Ultravixen - Il Riskio Remix 2015 - Wallace Records

Il Riskio Remix

Può piacere o meno ma quando un tuo disco ti regala tante soddisfazioni perché non farlo remixare per goderne ancora più a lungo? È un po’ quello che avranno pensato gli Ultravixen dopo i lusinghieri feedback (compreso quello della nostra testata) incassati dal loro “Il Riskio”. La band catanese ha così affidato a una pletora di amici-producers la rivisitazione dei nove brani di quel bel disco che ne sancì ufficialmente il passaggio alla lingua natia dopo la dominante anglofonia delle precedenti produzioni.

Bene, la frontalità sferragliante dell’originale non solo rimane invariata ma quel mix micidiale di The Jesus LizardOne Dimensional Man e Il Teatro Degli Orrori, glassato da psichedelie scomposte e garagismi detroitiani, assume addirittura, attraverso le riletture altrui, nuove e più accattivanti cromature: Bologna Violenta brutalizza elettronicamente le sforbiciate punk di “Testa di morte”, Xabier Iriondo affila a modo suo gli artigli desertici di “Velluto nero”, il rumorismo melodico di “Le cose più belle” si veste di un’insolita delicatezza pop con il featuring di Matilde Davoli, le rasoiate di “Fino all’ultimo respiro” e “Sparami sulla spiaggia” diventano irriconoscibili nelle textures glitch/IDM di, rispettivamente, Andy Trema e Giulio Ragno Favero, mentre le movenze capovilliane di “Terra elettrificata” si tingono di schizofrenie breakbeat à la Prodigy sotto le manipolazioni di Pola.

A metà strada tra il salutare cazzeggio e il desiderio ardente di misurarsi con sensibilità musicali distanti e diversificate il remake de “Il Riskio” ribadisce la bontà di una band che - a questo punto - potrebbe fare la sua porca figura sia dentro il calderone di un Lollapalooza qualunque che in un turbolento clubbing mitteleuropeo.

http://www.rockit.it/recensione/30667/ultravixen-il-riskio-remix

Antonio Belmonte - Rockit