Kathodik

Il Riskio

Quest’album, targato made in Sicily, è pieno. L’abito che veste è quello del noise/punk rock americano degli anni '90 con testi in italiano che calzano a pennello e “suonano” musicali su riff potenti di chitarra distorta, synth e una tostissima sezione ritmica. Il filo rosso che muove le parole è quello dei sentimenti di amanti disperati e distrutti avvolti dal nostro difficile contesto sociale in piena crisi di idee e valori. E allora, come in Acrobatici Equilibri si auspica alla rivoluzione (citando i Ricchi e Poveri). Un buon lavoro, soprattutto per la parte lirica, ma dalla personalità offuscata. Confido in una rielaborazione musicale più personale in futuro.

Rachele Paganelli - Kathodik