BLOW UP

Avorio Erotic Movie

Le prime note di Yoy, You & You sembrano dirti "ok , ci siamo capiti", occheggiando a un involuto ritratto post rock di marca touch and go/quartestick. Poi d'un tratto il brano prende beffardamente una spedita piega rockabilly, come ad aprire le danze e svelare una più scanzonata identità. Non si tratta però di un cambio drastico, in fondo l'impostazione strumentale è quella di paretnza: cambia semmai la forma e l'indirizzo. Questo inziale episodio di "Avorio Erotic Movie" sostanzialmente rappresenta la sintesi di un percorso musicale che parte dalle pendici della "Catania rumorosa", dietro le insegne di Jasminshock e Jerica's. Dall'incontro di quel che rimane delle due entità nasce la necessità di andare oltre; che poi ha significato tornare un pò indietro, a un approccio r'n'r più "volgare", pur mantenendo legami con le passate esperienze. Vedono così la luce gli UltravXen, una delle ultime rock band a potersi aggiudicare uno dei pochi titoli rimasti disponibili dalla filmografia di Russ Myer. Nel loro mondo c'è posto per mettere insieme Jon Spencer con Steve Albini (Riskio's first time), spigolature e squadrature Math con uno spirito dissacrante e sleazy. Non sembano pure esenti tracce di sballonzonanze mcluskismo. I contrasti si compensano in una travolgente trasposizione di sogni d'Americhe profondamente differenti, come nel finale dell'Album done le introversioni slintiane di Nera cedono il passimo all'intrattenimento jazzy di Love Facory (A I am not a toy boy). Gli UltraviXen celebrano così la realizzazione di "Avorio Eroti Movie": nove caznoni d'amore per due anni di vita di merda, ipsi dixerunt (7/8).

Fabio Polvani - Blow Up